“Caminante” – la poesia di Antonio Machado sui viandanti

Caminante – la poesia di Antonio Machado sui viandanti

Questa poesia di Antonio Machado è dedicata all’essere umano in continuo movimento, al viandante instancabile, sempre alla ricerca di nuovi cammini da percorrere. Tali percorsi hanno una duplice accezione: sia quella legata al raggiungimento fisico di una meta sia inteso come esperienza umana, senza necessariamente avere uno scopo preciso, se non quello del viaggio in sé.

 

Tutto passa e tutto resta,
però il nostro è passare,
passare facendo sentieri,
sentieri sul mare.

Mai cercai la gloria,
né di lasciare alla memoria
degli uomini il mio canto,
io amo i mondi delicati,
lievi e gentili,
come bolle di sapone.

Mi piace vederle dipingersi
di sole e scarlatto, volare
sotto il cielo azzurro, tremare
improvvisamente e disintegrarsi…
Mai cercai la gloria.

Viandante, sono le tue orme
il sentiero e niente più;
viandante, non esiste il sentiero,
il sentiero si fa camminando.

Camminando si fa il sentiero
e girando indietro lo sguardo
si vede il sentiero che mai più
si tornerà a calpestare.

Viandante non esiste il sentiero,
ma solamente scie nel mare…

Un tempo in questo luogo dove
ora i boschi si vestono di spine,
si udì la voce di un poeta gridare
«Viandante non esiste il sentiero,
il sentiero si fa camminando…»

Colpo dopo colpo, verso dopo verso…

Il poeta morì lontano dal focolare.
Lo copre la polvere di un paese vicino.
Allontanandosi lo viderono piangere.
«Viandante non esiste il sentiero,
il sentiero si fa camminando…»

Colpo dopo colpo, verso dopo verso…

Quando il cardellino non può cantare.
Quando il poeta è un pellegrino,
quando non serve a nulla pregare.
«Viandante non esiste il sentiero,
il sentiero si fa camminando…»

Colpo dopo colpo, verso dopo verso.

Precedente Matera: da ex-vergogna d’Italia a patrimonio dell'Unesco Successivo Una poesia sul ritorno: "I Mari del Sud" di Cesare Pavese

Un commento su ““Caminante” – la poesia di Antonio Machado sui viandanti

I commenti sono chiusi.